Esperienze di Arte Condivisa


martedì, 10 settembre 2019
LocandinaRitaglio.png

Teatro festival dei di-Versi e Poeti

Esperienz

e di Arte Condivisa

 

La solitudine è sofferenza maledetta non quando si è soli, ma quando si ha il sentimento di contar niente per nessuno. Enzo Bianchi
Nell'ambito del progetto ESPERIENZA DI ARTE CONDIVISA, durante il mese di settembre 2019, si è scelta la settimana dal 16 al 21 per offrire un concentrato di spettacoli teatrali che verranno messi in scena presso il nuovo teatro all'aperto di Cervasca. Questo festival anticipa e si unisce al Festival IL FILO DI ARIANNA, che si svolgerà a Cuneo dal 3 al 6 ottobre e che nasce da una collaborazione tra la Compagnia teatrale IL MELARANCIO ed il CONSORZIO SOCIO-ASSISTENZIALE DEL CUNEESE. 

L'obiettivo è quello di declinare il problema della disabilità affrontandola sotto vari punti di vista. La rassegna infatti vuole far riflettere su alcune delle realtà dell'handicap avvicinandosi ad esse dal di dentro, cioè attraverso l'esperienza diretta. Inoltre rappresenta l'occasione di far conoscere i vari soggetti che operano sul territorio per dare risposte concrete all'emarginazione talora provata da quelle famiglie toccate in prima battuta dalla disabilità di un proprio caro. La collaborazione ed il dialogo tra i Centri diurni, le scuole, i Comuni, il Consorzio socio-assistenziale, le Associazioni e le famiglie interessate può alleviare le difficoltà legate all'accoglienza ed accettazione di chi è diversamente abile. 
Vincere l'individualiso imperante ed essere strumenti di incontro è il desiderio che muove l'intera proposta, affinchè si possa combattere con il confronto e la Cultura quel senso di smarrimento che adulti e bambini purtroppo sperimentano.
Non è la normalità a dare la gioia di vivere, bensì è la gioia che si ha di vivere che dà la normalità. Spesso molti normodotati sono meno normali, in questo senso, di tanti altri disabili.

Perché, in effetti, che cos'è essere diversi? Su quale parametro si misura la differenza? In quale modo noi, tutti, ci si sente coinvolti dalle storie, più o meno felici, più o meno tristi, vissute da chi ci è accanto? E se condividere fosse un arricchimento anche per chi, forse, si sente esonerato da questioni che non lo riguardano in prima persona? E se si abbattesse il pregiudizio e si andasse a fondo nel conoscersi reciprocamente? Questi spettacoli non tratteggiano quadri miracolosi, ma si innervano di fantasie verosimili, immediate, a volte emozionanti. Hanno l'ambizione di parlare dritto al cuore dello spettatore e di trascinarlo sul palco della propria esistenza, ciascuno nelle condizioni in cui versa, belle o brutte, buone o cattive, proprio là dove si trova, per recitare la propria parte con rinnovato entusiasmo. Per i ragazzi delle scuole di CARAGLIO, BERNEZZO e CERVASCA, che hanno partecipato negli anni passati al progetto di ESPERIENZA DI ARTE CONDIVISA, la proposta si articola anche atraverso le matinée della Piccola Trilogia degli altri bambini in orario scolastico, con l'aggiunta di due spettacoli fuori cartellone:

Lo spettacolo delle mamme di Gallarate                    3 ottobre   presso Cascina Pellegrino          ore 14.30

L'attrazione degli opposti                                            10 ottobre   presso la palestra della scuola   ore 10.30

                                                           Centri diurni CASAMICA di Busca e CASCINA PELLEGRINO di Cervasca 

 

 - L'Assedio                                                                     lunedì 16 settembre ore 20.30 Compagnia la Masca teatrale regia di Antonio Martorello di Antonio Martorello

                                                                                         La storia di una ragazza con autismo e della sua famiglia. Lo spettacolo è andato in scena la prima volta nel 2003, e lo riproponiamo oggi per chiederci che cosa                                                                                           sia cambiato rispetto all'autismo e in quale modo. 

  - La Piccola trilogia degli altri bambini: Progetto per uno sguardo oltre Regia di Maurizio Babuin SANTIBRIGANTI Teatro Guardarsi intorno, e vedere.

                                                                      Aprire lo sguardo al mondo per quello che è, senza sterili abbellimenti. Il teatro ragazzi parla ai bambini raccontando loro storie e realtà. A volte la realtà è: brutta, difficile,                                                                            assurda, triste.

                                                                      La “Piccola trilogia degli altri bambini” comprende tre pièces di teatro ragazzi unite dalla stessa tematica: al centro, sempre, ci sono i diversi, le minoranze, i                                                                                                    cosiddetti disagiati. Che poi, considerando gli spettacoli, creati con l’apporto degli attori quindi ancor più vividi, briosi, divertenti, forse il disagio è solo quello che si figura il                                                                            mondo  adulto. Perché la bimba in carrozzina in “YoYo piederuota”, la bimba malata in “Ahi! Ahia! Pirati in corsia!”, il bimbo che scappa in “Fratelli in fuga”, non sono infelici.                                                                          Ciascuno trova la gioia nella propria personale normalità e, chi può, trova anche la forza di uscire dalla diversità, magari acquistando un nuovo amico, magari maturando un                                                                        prezioso ricordo per tutta la vita, magari conquistando più fiducia in sé e negli altri.

YoYo piederuota                                       martedì 17 settembre ore 20.30                   matinée per le scuole mercoledì 18 settembre ore 10.30

                                                                     Racconta dell'incontro a scuola di Giovanni, troppo alto e con due grandi piedi per correre con Giorgia, orgogliosa e con due grandi ruote per forza
• Fratelli in fuga                                           mercoledì 18  settembre ore 20.30             matinée per le scuole giovedì 19 settembre ore 10.30  

                                                                      Racconta di siblings (i fratelli dei ragazzi con difficoltà) e di autismo. Perché scappi fratellino? Io non riesco a dirtelo, ma per farmi sentire posso urlareeeeeee!                                                                           
• AhiAhi pirati in corsia                               giovedì 19  settembre ore 20.30                                              matinée per le scuole venerdì 20 settembre ore 10.30

                                                                      Racconta di una ragazzina, Nina, alle prese con il temporaneo ricovero in ospedale per una malattia ed il suo adattarsi/non adattarsi alla sua nuova casa con mamma, papà,                                                                        dottori, infermieri… ce n’era uno di nome Camillo.


- Quattro ruote un sorriso una vita            sabato 21 settembre Compagnia Teatro Il Moscerino             ore 20.30 di Irene Formento Con Marta De Lorenzis - Regia Samuel Dossi

                                                                      L'autobiografia di una ragazza affetta da tetraparesi distonica che è costretta a stare in carrozzina. Irene Formento si narra con autoironia e acume, facendo riflettere sul                                                                              limite e su  chi realmente ne sia vittima. Lo spettacolo risulta pertanto come un racconto poetico e spiritoso, in cui si affrontano mille temi, i temi del vivere il quotidiano con il                                                                        sorriso, nonostante tutto.

Questo sito utilizza cookie tecnici.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Cookie