Cervasca: I ragazzi dell'Istituto Comprensivo commemorano i caduti in guerra

La memoria come riflessione sul passato e stimolo per il futuro

Data:

martedì, 09 novembre 2021

Argomenti
Notizia
0b8f92a6-bc47-422a-a0b5-b3624242640c.jpg

In occasione della Commemorazione dei caduti in guerra, del Giorno dell'Unità Nazionale e della Giornata delle Forze Armate, gli alunni dell’Istituto Comprensivo di Cervasca, accompagnati dai docenti e dalla Dirigente Scolastica Prof.ssa Cristina Bersani, hanno partecipato attivamente a momenti di riflessione e di celebrazione sul territorio, alla presenza dei sindaci Enzo Garnerone (Cervasca) e Danilo Bernardi (Vignolo e Santa Croce), delle autorità locali, delle Forze dell’Ordine e dell’Associazione Nazionale degli Alpini (Ana) di Cuneo.

Il 3 novembre, gli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di primo grado hanno partecipato ad un momento di riflessione, guidato dal Sindaco Enzo Garnerone, con la presenza delle autorità comunali, del Presidente dell’Associazione Nazionale degli Alpini (Ana) di Cuneo, Matteo Galleano, del Vicesindaco dei ragazzi Alessio Falco e della Dirigente Scolastica, Prof.ssa Cristina Bersani.

Adulti e ragazzi, hanno riflettuto sull’importanza della memoria e della crescita responsabile di ognuno, come elementi fondanti della società civile. Si è inoltre inaugurata la lapide al milite ignoto, quale cittadino onorario di Cervasca e rappresentante di tutti i soldati dispersi durante le due guerre.

Il 4 novembre, il piazzale della chiesa di Santa Croce ha visto l’emozionata partecipazione della pluriclasse terza e quinta della scuola primaria del paese, che ha offerto una cartellonistica di slogan e disegni incentrati sulla pace, valore ritratto come fiore tra le mani, ossia come dono da offrire e da agire, con il cuore e con le azioni, a partire da semplici gesti quotidiani di rispetto, tolleranza e amicizia.

Le classi quinte di Vignolo hanno sfilato dalla scuola al Comune, rappresentando in prima persona i valori del camminare insieme e dell’unione come elementi indispensabili per la costruzione del bene comune e della concordia. Giunti in centro paese, insieme con le autorità presenti, hanno vissuto la toccante esperienza della lettura di tutti i nomi della lapide ai caduti in guerra e hanno intonato una canzone dei Beatles, Imagine, per esprimere, con la dolcezza della voce e della musica, la loro volontà  di agire, insieme, per un mondo di uguaglianza, giustizia e pace.